Filosofia di vita

Un professore di filosofia, in piedi davanti alla sua classe,

prese un grosso vasetto di marmellata vuoto e comincio a riempirlo con
dei sassi, di circa 3 cm. di diametro.
Una volta fatto chiese agli studenti se il contenitore fosse pieno
ed essi risposero di si.

Allora il Professore tirò fuori una scatola piena di piselli,

li versò dentro il vasetto e lo scosse delicatamente.
Ovviamente i piselli si infilarono nei vuoti lasciati tra i vari sassi.

Ancora una volta il Professore chiese agli studenti se il vasetto fosse
pieno ed essi, ancora una volta, dissero di si.
Allora il Professore tirò fuori una scatola piena di sabbia e
la verso dentro il vasetto.
Ovviamente la sabbia riempi ogni altro spazio vuoto lasciato e coprì  tutto.
Ancora una volta il Professore chiese agli studenti se il vasetto fosse
pieno e questa volta essi risposero di si, senza dubbio alcuno.


Ora, disse il Professore, voglio che voi capiate che questo
vasetto rappresenta la vostra vita.

I sassi sono le cose importanti – la vostra famiglia, i vostri

amici,la vostra salute, i vostri figli – le cose per le quali se tutto
il resto fosse perso, la vostra vita sarebbe ancora piena.

I piselli sono le altre cose per voi importanti: come il
vostro lavoro, la vostra casa , la scuola  ….
La sabbia e’  tutto il resto……   le piccole cose .
Se mettete dentro il vasetto per prima la sabbia, continuò  il

Professore, non ci sarà spazio per i piselli e per i sassi.
Lo stesso vale per la vostra vita. Se dedicate tutto il vostro tempo e le
vostre energie alle piccole cose, non avrete spazio per le cose che per  voi
sono importanti.
Dedicatevi alle cose che vi rendono felici: giocate con i vostri

figli, portate il vostro partner al cinema, uscite con gli amici. Ci
sarà sempre tempo per lavorare, pulire la casa, lavare l’auto. Prendetevi
cura dei sassi per prima – le cose che veramente contano. Fissate le
vostre  priorità…il resto e’  solo sabbia.

Filosofia di vitaultima modifica: 2008-06-04T13:10:00+00:00da jollysa
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento